Medicina Ayurveda, migliora e allunga la tua vita

L’ayurveda è un’antica nonchè complessa medicina originaria dell’India durante i tempi dei Veda, degli antichi libri sacri risalenti a migliaia di anni prima della nascita di Cristo.

I sacri libri Veda oltre a narrare di religione, parlano anche di malattie e infezioni indicando rituali e trattamenti a base soprattutto di erbe per combatte questi problemi.

Che cos’è la medicina ayurvedica

Ayurveda letteralmente significa “conoscenza della vita” ed è dunque una filosofia che si applica anche alla vita; significa capire che l’uomo, costituito da corpo e mente, sensi e anima, essendo parte integrante della natura al pari di tutte le forme viventi, è sottoposto alle sue leggi anche per quanto concerne salute, malattia, guarigione e morte.

L’equilibrio tra uomo e ambiente significa salute, mentre squilibrio sta per malattia.

Si tratta quindi di un sistema per la prevenzione e la cura delle malattie che inizia con un sistema di cura olistico che si interessa alla persona nella sua totalità.

Non cerca quindi di curare il disturbo in se, ma cerca di risalire alla sua causa, per esempio se abbiamo problemi di digestione l’ayurveda cerca di capire se in realtà si tratta di una colite.

Caratteristiche dell’Ayurveda

L’energia vitale prende il nome di prana.

Qualsiasi cosa vivente si caratterizza per un habitus costituito da tre elementi differenti chiamati dosha: vata (aria e spazio), pitta (fuoco) e kapha (terra e acqua).

In ciascun individuo, queste forze sono presenti in combinazioni sempre diverse.

Andiamo a vedere in dettaglio in cosa consistono:

  • vata ( elemento di eliminazione ): Controlla tutto ciò che è movimento nel corpo, ossia sistema nervoso, circolazione, respirazione e intestino; le sue qualità sono: freddezza, secchezza, leggerezza, sottigliezza, mobilità, nitidezza, durezza, ruvidezza e fluidità; la sua sede principale è il colon.
  • pitta ( elemento di combustione ): Controlla la trasformazione nel nostro corpo, quindi la digestione ed il metabolismo, ma anche le emozioni; le sue qualità sono: caldo, untuoso, leggerezza, sottigliezza, mobilità, nitidezza, morbidezza, levigatezza, chiarezza e fluidità; la sede principale è l’intestino tenue.
  • khapa ( elemento di assimilazione ): Controlla la coesione nel nostro corpo, quindi i fluidi corporei, le ossa, articolazioni ed i tessuti;  le sue qualità sono: freddezza, umidità, pesantezza, grossolanità, stabilità, opacità, morbidezza, levigatezza e densità.

Differenze tra i Dosha

Le caratteristiche dei tre 3 dosha sono ben diverse e specifiche con la predominanza di determinate caratteristiche fisiche e psicologiche.

Per ciascun dosha è prevista un alimentazione differente.

Individuo pitta: E’ generalmente contraddistinto da capelli chiari, media costituzione; caratterialmente è determinato, organizzato, coraggioso e tende alla leadership, ma anche collerico e aggressivo; le malattie tipiche sono ulcera, acne e emorroidi.

Individuo vata: Corporatura magra e scattante, la pelle secca, l’attitudine vivace e creativa; ma può soffrire d’insonnia, disturbi nervosi, problemi digestivi e stati d’ansia.

Individuo kapha: Fisico grosso, forte e ben piantato, il carattere calmo e rilassato fino alla pigrizia, non ama i cambiamenti; i tratti salienti sono l’avarizia e la gelosia. Soffre di sovrappeso, fino all’obesità, di allergie, ipercolesterolemia e depressione.

In base a questo ci sono i diversi rimedi ayurvedici, come preparati farmaceutici di origine animale e vegetale, provvedimenti dietetici e comportamentali, meditazione e yoga e massaggio ayurvedico.

Benefici dell’Ayurveda

I quattro punti fondamentali di questa medicina sono

  1.  Prevenire le malattie;
  2.  Prendersi cura della salute;
  3.  Mantenere lo stato di salute;
  4.  Promuovere la longevità.

Attraverso la palpazione del polso, uno specialista ayurvedico riesce a stimare il disequilibrio negli stadi iniziali di un soggetto, prima ancora della comparsa di un disturbo.

E’ possibile così prevenire con largo anticipo il problema fornendo le indicazioni specifiche per ristabilire l’equilibrio tra corpo e mente necessario per mantenere lo stato di salute.

La medicina ayurvedica dunque promuove l’equilibrio psicofisico dell’individuo.

>>Scopri tutto sull’Ayurveda con i più famosi libri cliccando qui<<

A chi è soggetta la medicina ayurvedica?

Per ogni paziente c’è la sua cura.

La medicina ayurvedica è efficacissima in caso di disturbi comuni come asma, mal di testa, ansia, insonnia, irritabilità, malattie della pelle come la psoriasi, disturbi gastrointestinali come coliti e intestino irritabile; ma non solo, agisce anche su problemi più gravi e seri come i tumori.

( Leggi anche Psoriasi: Sintomi, Cause e Cure )

Le pratiche ayurvediche

Per l’ayurveda la meditazione e la terapia fisica sono le pratiche fondamentali, come l’oleazione e lo yoga.

L’oleazione è una pratica dove vi è un applicazione di sostanze grasse all’interno e all’esterno del corpo. Fondamentali poi sono il massaggio, l’alimentazione e lo yoga.

Il massaggio ayurveda

Il massaggio è importantissimo perché serve a rilassare il corpo, a calmare lo stress e l’ansia e di conseguenza a migliorarne l’elasticità e la flessibilità.

Grazie al massaggio è possibile stimolare la circolazione, drenando e tonificando il corpo.

Invita le energie a percorrere il loro naturale percorso sciogliendo le tensioni nervose, donando forza ed energia all’individuo.

Con il massaggio ayurvedico si riprende contatto con la parte più profonda di se stessi, è infatti denominato “il massaggio dell’Anima”.

L’alimentazione nell’Ayurveda

A seconda dei 3 dosha si prescrivono consigli alimentari specifici organizzati sulla base dei sapori che si crede abbiano un certo effetto sul corpo.

L’individuo Vata per esempio essendo magro, avrà problemi con lo stress perché non mangia e va stimolato l’appetito con il sapore salato.

Il tipo Pitta tendenzialmente grasso, deve prediligere cibi leggeri mentre il tipo Kapha, che è robusto, ingrassa facilmente, e dovrà prediligere il sapore amaro che è purificante.

Piccole curiosità sulla medicina ayurvedica

I cinque principi di comportamento nella medicina ayurvedica consistono nel

  • Astenersi dall’uccidere qualsiasi forma di vita animale;
  • Dal rubare;
  • Da comportamenti sessuali scorretti;
  • Dal mentire;
  • Dal consumare alcol.

>>Se vuoi approfondire l’argomento Ayurveda con alcuni dei più famosi libri in commercio clicca qui<<

Condividi l'articolo:

avatar
wpDiscuz